Come camminare aiuta questa donna a liberare la mente

"Camminando, ritrovo la mia serenità", afferma Yolanda H., camminatrice a lungo raggio

Ho fatto la mia prima 5 chilometri a 40 anni, dopo che un amico mi ha consigliato di camminare per beneficenza. È stato incredibile! L’atmosfera, le persone che fanno il tifo per te, tagliare il traguardo… tutto è fantastico. Il giorno dopo, ero così esausta che faticavo a camminare: eppure, mi sentivo benissimo.

Yolanda H.

Corona, California (USA)

  • Fitness

Yolanda consiglia…

Nessuno può dimostrare che anche i piccoli passi hanno un grande impatto meglio di Yolanda H., 57 anni, da Corona, California. "Ho fatto la mia prima 5 chilometri a 40 anni, dopo che un amico mi ha consigliato di camminare per beneficenza," afferma. "È stato incredibile! L’atmosfera, le persone che fanno il tifo per te, tagliare il traguardo… tutto è fantastico. Il giorno dopo, ero così esausta che faticavo a camminare: eppure, mi sentivo benissimo." Da lì a fare una maratona a piedi intera, il passo è stato breve.

Quando Yolanda ha compiuto 50 anni, era pronta per affrontare una nuova sfida. Dato che amava camminare maratone, si fissò l’obiettivo di completare 50 maratone in 50 settimane. Riuscì a farcela, e si spinse oltre. "Quell’anno ho completato 65 maratone, tra cui alcune ultramaratone di quasi 50 km in montagna," prosegue. L’anno successivo si spinse ancora oltre completando 77 maratone, e cominciò a interessarsi dei record mondiali. "Ho un amico che fa le maratone e detiene 5 record sul Guinness dei primati" afferma. "Mi ha ispirato a stabilire un record!" Quindi, contattò Guinness e scoprì che una donna in Italia era la detentrice del record mondiale con 100 maratone in un anno. Fu così che nel 2010 Yolanda sorpassò quel record camminando l’incredibile numero di 106 maratone e ultramaratone in un anno. L’anno seguente, superò il suo stesso record facendone 120. "Volevo provare che una camminatrice determinata poteva essere tanto competitiva quanto una runner," prosegue.

Le sue camminate assunsero un significato ben più personale e profondo quando sua madre morì di diabete nel 2013. "Mi mancava tantissimo e volevo sensibilizzare sul fatto che qualcosa di semplice come camminare e cambiare la propria dieta può concretamente aiutare le persone a prevenire il diabete di tipo 2," afferma. Fu così che diede vita alla Extreme Walk 4 Diabetes. Attraversò la Death Valley a piedi fino a Las Vegas, quindi andò da Laguna Beach a San Francisco (sono quasi 845 km!), tutto per dimostrare al mondo che anche un solo passo in più ha il potere di migliorare la nostra salute.

Per una persona che cammina tanto come Yolanda, un dispositivo Fitbit è perfetto, ma lei ha iniziato a indossarlo solo dall’inizio di quest’anno. "Ho ricevuto un Fitbit One per Natale e da allora non posso farne a meno, soprattutto perché ti sfida a spingerti sempre oltre," prosegue. Al momento di questa intervista, Yolanda ha accumulato 8.644.552 passi, e non intende fermarsi. "Sto cercando di fare una maratona in ogni singolo giorno del 2015, e ci metto circa 7 ore," afferma. "Camminando, ritrovo la mia serenità Quando inizio una maratona, penso sempre a qualche diverbio o problema e tutto sembra così grande, ma dopo aver passeggiato e aver avuto modo di pensarci, sei ore dopo il problema non c’è più."

NON TROVARE SCUSE

"Ci sono almeno 100 motivi per cui non dovresti uscire o fare una passeggiata, ma almeno 1.000 per farlo," afferma. "Se smetti di trovare scuse, ce la farai."

DEFINISCI UN OBIETTIVO

"Se non ti poni un obiettivo da raggiungere, non puoi pianificare o sognare quello che potrai conquistare," afferma. "L’obiettivo non deve essere irrealizzabile, può essere semplicemente camminare 32 km ogni settimana, l’importante è restare concentrati."

TROVA L’ENERGIA IN MODO NATURALE

"In passato, sgranocchiavo cioccolatini M&Ms mentre passeggiavo, ma poi ero esausta e ne mangiavo altri," afferma Yolanda. "Ora mangio frutta per ritrovare l’energia." Quindi mangio arance, uva o kiwi per tenere alta la mia energia."

Yolanda consiglia…

NON TROVARE SCUSE

"Ci sono almeno 100 motivi per cui non dovresti uscire o fare una passeggiata, ma almeno 1.000 per farlo," afferma. "Se smetti di trovare scuse, ce la farai."

DEFINISCI UN OBIETTIVO

"Se non ti poni un obiettivo da raggiungere, non puoi pianificare o sognare quello che potrai conquistare," afferma. "L’obiettivo non deve essere irrealizzabile, può essere semplicemente camminare 32 km ogni settimana, l’importante è restare concentrati."

TROVA L’ENERGIA IN MODO NATURALE

"In passato, sgranocchiavo cioccolatini M&Ms mentre passeggiavo, ma poi ero esausta e ne mangiavo altri," afferma Yolanda. "Ora mangio frutta per ritrovare l’energia." Quindi mangio arance, uva o kiwi per tenere alta la mia energia."

Acquista i prodotti dalle storie